SHWM - Safe Health for Water Management – Lebanon

  • condividi
  • font size decrease font size increase font size
  • Print
  • Email

Il progetto SAFE HEALTH AND WATER MANAGEMENT (LEBANON) in collaborazione con la Città Metropolitana di Torino e UNDP Lebanon mira a  migliorare l’accesso all’acqua nelle comunità maggiormente colpite dalla crisi siriana attraverso:

-         Approccio partecipativo alla pianificazione e gestione delle risorse idriche includendo l’uso per l’agricoltura,

-         Individuazione e messa in atto di soluzioni innovative in ambito gestione risorse idriche

-         Sensibilizzazione al lavoro in una logica di area vasta o “bacino”

I beneficiari del progetto sono cittadini, amministratori, cooperative agricole e tecnici delle zone più colpite dalla crisi siriana nella zona nord del paese.

SHWM prevede interventi di:

-         Promozione di misure di efficienza nell’utilizzo dell’acqua attraverso la mappatura, il controllo e la riduzione delle perdite di acqua

-         Rafforzamento delle competenze degli amministratori e i tecnici locali nell’elaborazione di piani di gestione delle acque

-         Pianificazione e realizzazione di  formazione tecnica specifica per i tecnici libanesi

-         Coinvolgimento della cittadinanza nel corretto utilizzo dell’acqua.

 

PER SAPERNE DI PIU'

L’impegno del Co.Co.Pa. in LIBANO

Il Co.Co.Pa. e alcuni degli Enti ad esso aderenti hanno seguito il percorso di concertazione tra Enti Locali italiani per la promozione e il rafforzamento istituzionale in Libano fin dal suo inizio. In questo quadro vanno segnalate:

  • la partecipazione della Città Metropolitana di Torino alla missione esplorativa a Beirut il 17-20 settembre 2006 realizzata in partenariato con CGLU;
  • la partecipazione della Città di Torino al seminario sul Libano degli Enti locali per la Pace in Medio Oriente (insieme ad altri membri del Co.Co.Pa. stesso, come la Provincia di Torino e la Città di Grugliasco), tenutosi a Perugia il 6 ottobre 2006 nel corso del «Meeting internazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani», e al primo incontro della cooperazione decentrata italiana nell’ambito del programma multilaterale ART GOLD Libano dal titolo «L’Italia per il Libano: il contributo delle comunità locali», svoltosi a Roma l’11 dicembre 2006 alla presenza del Vice Ministra Sentinelli, nonché l’organizzazione, sempre a cura del suddetto Comune, di una sessione speciale di EUROMED (di cui la Città è stata presidente nel biennio 2004-2006) dedicata al Libano dall’8 al 10 novembre 2006;
  • l’adesione al Programma Nazionale degli Enti Locali per la Pace in Medio Oriente;
  • la partecipazione alla prima missione degli Enti Locali italiani in Libano (marzo 2007), in collaborazione con l’UNDP ed il Ministero degli Affari Esteri italiano;
  • la partecipazione a tutte le riunioni nazionali  di coordinamento del progetto (Bologna, Perugia, Padova, Assisi) e l’organizzazione delle riunioni del gruppo sulla sostenibilità ambientale (Padova, Bologna, Torino).
  • dal 2014 è partner attivo del progetto SAFE HEALTH AND WATER MANAGEMENT in particolare negli interventi di formazione e sensibilizzazione sul territorio.

BANDI

CONCORSI